Icona Facebook Icona Gay Friendly

Itinerari a Roma

Campo de' Fiori

Una delle più rinomate piazze di Roma è Campo dei Fiori. Numerose sono le leggende che aleggiano intorno la piazza. Si narra che un tempo essa fosse un campo di fiori. Da qui la denominazione appunto. Altre leggende invece, attribuiscono il nome a Flora, la donna amata dall'Imperatore Pompeo.

In antichità, Campo de' Fiori era il luogo di scena di esecuzioni capitali. Il popolo qui si riuniva per assistere al martirio dei fuorilegge. La storia ci ricorda ad esempio, che il 17 febbraio 1600 qui fu arso vivo Giordano Bruno, filosofo accusato di eresia.

Oggi invece, Campo dei Fiori è una ridente sede di mercato e luogo di incontro dei numerosi giovani che vivono nella Capitale.

Il Colosseo Roma

Piazza Navona

Percorrendo Piazza Navona si possono ammirare le tre fontane più suggestive di Roma: la Fontana del Nettuno o dei Calderoni; la Fontana del Moro e la Fontana dei Fiumi.

Piazza Navona si contraddistingue per la sua particolare forma ovale, quasi come uno stadio. Un tempo era un vero e proprio centro sportivo, qui infatti si svolgevano vere e proprie gare ginniche. Ciò lo consentivano anche le dimensioni del complesso, che poteva contenere ben 30000 spettatori.

Piazza Navona, però, era anche sede di eventi folkloristici. Nel 1500, infatti, il Duca Valentino vi celebrò il proprio trionfo in veste di Cesare; gli Spagnoli invece, introdussero lo sparo di 'mortoretti' per la processione di Pasqua.

Ma Piazza Navona è rinomata anche per le costruzioni architettoniche, come palazzi, chiese, torri medioevali, edifici rinascimentali e barocchi.

Il Colosseo Roma

Pantheon

Il Pantheon, il "Tempio di tutti gli dei", è il più straordinario e il meglio conservato tra i monumenti dell'antica Roma.
Il primo tempio qui eretto fu un edifico rettangolare costruito da Agrippa tra il 27 e il 25 a..C. La struttura odierna fu costruita invece al tempo dell'imperatore Adriano, nel 118 d.C. probabilmente su suo stesso disegno.

La collocazione del Pantheon non è casuale, bensì leggendaria. Si narra che in quel preciso punto dove esso sorge, Romolo, alla sua morte fu afferrato da un'aquila e portato in cielo fra gli dei.

Pantheon deriva da due parole greche: pan, "tutto" e theon "divino". Infatti, esso, in antichità, era un piccolo tempio dedicato a tutte le divinità romane. La storia del Pantheon è alquanto strana. Fu fatto erigere tra il 27 e il 25 a.C. dal console Agrippa, ma fu distrutto da un incendio e ricostruito da Domiziano nell'80 d.c. Trent'anni dopo colpito da un fulmine prese nuovamente fuoco. Fu allora ricostruito nella sua forma attuale dall'imperatore Adriano.

Quest'ultimo volle che sulla facciata del complesso fosse apposta un'iscrizione latina con lettere di bronzo: "M.Agrippa L.F.Cos. Tertium.Fecit", ovvero: "Lo costruì Marco Agrippa, figlio di Lucio, console per la terza volta".

Il Colosseo Roma

Colosseo

Uno dei simboli di Roma, di fama Internazionale, è il Colosseo. Denominato anche Anfiteatro Flavio, esso è situato al centro della città Eterna. E' il più grande anfiteatro romano, in grado di contenere ben 50000 spettatori.

Secondo la tradizione, il Colosseo è così chiamato per la vicinanza alla statua del Colosso del Dio Sole. Il Colosseo era il luogo in cui avvenivano spettacoli e manifestazioni pubbliche.

La sua composizione architettonica esprime con chiarezza i caratteri della prima Età imperiale: predominano linee curve, pianta ellittica, archi e volte concatenati tra loro in un serrato rapporto strutturale.

L'edificio forma un'ellisse di 527 m di perimetro, con assi che misurano 187,5 m per 156,5 m. L'arena all'interno misura 86 m per 54 m, con una superficie di 3.357 m². L'altezza attuale raggiunge i 48,5 m, ma originariamente arrivava ai 52 m.

Il Colosseo è stato inserito nella lista dei Patrimoni dell'umanità dall'UNESCO nel 1980. Dal 2007 fa anche parte delle Sette meraviglie del mondo moderno.